i Lombardi tra Piemonte e Paesi Bassi (ca. 1380-1500) ?· Similarità e differenze con le altre...

download i Lombardi tra Piemonte e Paesi Bassi (ca. 1380-1500) ?· Similarità e differenze con le altre ...…

of 382

  • date post

    17-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    233
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of i Lombardi tra Piemonte e Paesi Bassi (ca. 1380-1500) ?· Similarità e differenze con le altre...

Universit degli Studi di Padova KU Leuven

Dipartimento di Scienze storiche, geografichee dellantichit

Faculteit LetterenOnderzoekseenheid GeschiedenisOnderzoeksgroep Nieuwe Tijd

______________________________________________________________

Scuola superiore di Studi storici, geografici eantropologici (Interateneo)

Doctoral School Humanities and social sciences

Indirizzo: Studi storici e storico-religiosi

XXVII Ciclo

Direttore della Scuola: Chiar.ma Prof.ssa dr. Maria Cristina La Rocca

Director of the Doctoral School for the Humanities and Social Sciences: Chiar. mo Prof. dr. Pol Ghesquire

Coordinatore d'indirizzo: Chiar.mo Prof. dr. Walter Panciera

Supervisore (Padova): Chiar.mo Prof. dr. Edoardo Demo

Supervisore (Leuven): Chiar.mo Prof. dr. Erik Aerts

Dottorando: Federico Cannelloni

1

Credito e pegno, famiglie e nazioni:

i Lombardi tra Piemonte e Paesi Bassi (ca. 1380-1500)

2

Indice dei contenutiIndice dei contenuti Pag. 3

Indice delle tabelle Pag. 7

Indice delle figure Pag. 9

Tavola delle abbreviazioni Pag. 9

Introduzione Pag. 110.1. Un breve inquadramento storiografico Pag. 110.2. Estensione temporale e geografica della ricerca Pag. 150.3. Fonti e metodologia Pag. 170.4. Quadro economico generale e presenza Lombarda: una nuova

interpretazionePag. 19

0.5. Obiettivi e struttura della ricerca Pag. 22Capitolo 1 La nazione piemontese Pag. 27

1.1. Le nazioni straniere: istituzioni tra le istituzioni Pag. 271.2. Le nazioni italiane nei Paesi Bassi Pag. 351.3. La nazione piemontese ( ca. 1380-1495) Pag. 39

1.3.1. I motivi di un'assenza Pag. 391.3.2. Dalla famiglia alla nazione? Pag. 481.3.3. L'evoluzione verso una nazione: il caso dei Lombardi del

BrabantePag. 55

1.4. Una nazione senza Stato Pag. 731.4.1. Similarit e differenze con le altre nazioni Pag. 731.4.2. Attribuzioni della nazione Pag. 80

1.5. Conclusione Pag. 91Capitolo 2 I Lombardi in patria e all'estero: legami familiari, inserimentosociale e rapporti d'affari

Pag. 97

2.1. Introduzione Pag. 972.2. Il background politico e sociale dei Lombardi Pag. 102

2.2.1. Asti Pag. 1022.2.2. Chieri Pag. 105

2.3. Gli Asinari tra il Reno, la Schelda ed il Tanaro Pag. 1102.3.1. Strategie matrimoniali Pag. 1132.3.2. Padrini e madrine tra Asti ed Anversa Pag. 117

2.4. Chieri: i de Villa e altre famiglie Pag. 1232.5. I mercanti piemontesi Pag. 1312.6. Reti esterne Pag. 134

2.6.1. I Lombardi ad Anversa Pag. 1352.6.1.1. Rapporti con la popolazione locale Pag. 1352.6.1.2. Le strategie abitative e comunicative Pag. 138

2.6.2. I Lombardi e i Borromei Pag. 1452.6.3. I Lombardi e la Spagna Pag. 1522.6.4. I piemontesi e Genova Pag. 152

2.6.4.1. Rapporti finanziari Pag. 1562.6.4.2. Relazioni commerciali Pag. 157

2.7. Conclusioni Pag. 159

3

Capitolo 3 - Credito (prima parte): la gestione del patrimonio in Piemonte, l'organizzazione ed il funzionamento delle attivit all'estero

Pag. 165

3.1. Introduzione Pag. 1653.2. Libro di memorie tenuto dalli signori Asinari di Virle. Tra il Tanaro e

la Schelda: lorganizzazione degli affari di Corrado AsinariPag. 172

3.2.1. Ricognizione sulle tipologie di libri di conto. La regolazionedelle scritture contabili ad Asti. Il registro: caratteristichetecniche e classificazione

Pag. 172

3.2.2. Il registro: il contenuto Pag. 1783.2.3. Analisi del registro: Genova, strumenti finanziari e contabilit Pag. 179

3.2.3.1. Genova come piazza finanziaria: i luoghi comemezzo di pagamento e forma di investimento

Pag. 179

3.2.3.2. Metodi di pagamento: la lettera di cambio Pag. 1853.2.3.3. La contabilit del registro: Corrado e la partita

doppia. Un metodo Lombardo?Pag. 187

3.3. L'organizzazione interna delle casane di Cambrai (1383) e Anversa(1427)

Pag. 190

3.3.1. Cambrai Pag. 1923.3.2. Anversa Pag. 1943.3.3. Le societ Lombarde: tra Genova e la Toscana, i precursori

dell'accomandita?Pag. 198

3.4. I Roero: affari, liti e confische. Il caso del banco di Nivelles tra il 1404ed il 1453

Pag. 208

3.4.1. I Roero nel Brabante alla fine del secolo XIV: il banco di SintTruiden e la duchessa Giovanna

Pag. 208

3.4.2. La confisca dei banchi di Vilvoorde e Nivelles: eventi epersonaggi

Pag. 212

3.4.2.1. La vicenda giudiziaria Pag. 2123.4.2.2. La confisca: modalit d'esecuzione e cifre Pag. 2143.4.2.3. Il banco di Nivelles tra il 1404 ed il 1453 Pag. 223

3.5. Conclusioni Pag. 228

Capitolo 4 Credito (seconda parte): il prestito su pegno e i prestiti sugaranzia personale

Pag. 233

4.1. Introduzione Pag. 2334.2. I pegni dei Lombardi Pag. 239

4.2.1. Nivelles Pag. 2434.2.2. Anversa Pag. 2514.2.3. I preziosi di Herentals Pag. 261

4.3. Il credito su pegno: i tratti comuni di una forma di credito resistente altempo.

Pag. 265

4.3.1. I Monti di piet d'epoca moderna Pag. 2664.3.2. Citt del Messico tra i secoli XVIII e XIX Pag. 2694.3.3. Il pegno negli Stati Uniti dall'indipendenza ai giorni nostri Pag. 2734.3.4. Il microcredito come sostegno allo sviluppo Pag. 278

4.4. Il prestito non su pegno Pag. 2824.4.1. Kortrijk: il prestito Lombardo come forma di finanziamento

all'industria?Pag. 286

4.5. Conclusioni Pag. 303

Capitolo 5 Ritorno in patria: l'industria tessile di Chieri e la formazione diuna nobilt territoriale (fine secolo XV)

Pag. 308

5.1. Introduzione Pag. 3085.2. La nascita dell'arte del fustagno di Chieri e i tessuti piemontesi nei Pag. 311

4

Paesi Bassi5.3. Il quartiere Gialdo di Chieri e le famiglie d'origine mercantile Pag. 3195.4. I Lombardi chieresi ed i Savoia: da nobilt mercantile a nobilt di

corte?Pag. 327

5.5. Conclusioni Pag. 334

Conclusioni Pag. 336

Tabelle Pag. 345

Bibliografia Pag. 360

5

6

Indice delle Tabelle

Tabella n. 1 Discendenza femminile di Michele Asinari Pag. 345

Tabella n. 2 Discendenza maschile di Michele Asinari Pag. 345

Tabella n. 3 Discendenza legittima di Corrado Asinari Pag. 346

Tabella n. 4 Discendenza naturale di Corrado Asinari Pag. 346

Tabella n. 5 Discendenza di Rassonino Asinari Pag. 347

Tabella n. 6 Famiglie scelte per matrimoni da Michele ed i suoi figli Ras-sonino, Guglielmo e Corrado

Pag. 347

Tabella n. 7 Incidenza delle famiglie tra i padrini e le madrine dei figli di Michele e sua figlia Margherita, sposata con Gabriele Pellet-ta

Pag. 348

Tabella n. 8 Attivit lavorative e origine sociale dei padrini (se indicate) Pag. 350

Tabella n. 9 Padrini e madrine degli Asinari nati ad Anversa e Malines Pag. 350

Tabella n. 10 Discendenza di Gabriele Pelletta e Margherita Asinari Pag. 350

Tabella n. 11 Libro di memorie di Corrado Asinari - Fogli 1-4 r: voci non relative a debiti

Pag. 351

Tabella n. 12 Libro di memorie di Corrado Asinari - Infrascripta sunt debi-ta sive illi quibus ego Conradus Asinarus debeo tam ante co-munionem quam post, dal foglio 4v

Pag. 352

Tabella n. 13 Sequestro casana Vilvoorde (1404) Entrate Pag. 354

Tabella n. 14 Sequestro casana Nivelles (1404) Entrate Pag. 355

Tabella n. 15 Somme concesse sui pegni (non riscossi). Nivelles 1453 Pag. 355

Tabella n. 16 Somme concesse sui pegni (non riscossi). Anversa 1453 Pag. 355

Tabella n. 17 Possedimenti de Villa nel quartiere Gialdo (1466) Pag. 355

Tabella n. 18 Possedimenti Solaro nel quartiere Gialdo Pag. 358

7

8

Indice delle Figure

Figura n. 1 Anversa attorno al 1410 Pag. 141

Figura n. 2 La divisone in quartieri della citt di Chieri Pag. 320

Figura n. 3 Posizione (approssimativa) delle propriet de Villa e Solaroal Gialdo

Pag. 323

Tavola delle Abbreviazioni

Archivi

ACC Archivio comunale di ChieriARAB Algemeen Rijksarchief BrusselASA Archivio di Stato di AstiAstoCorte Archivio di Stato di Torino, Sezioni CorteAstoRiunite Archivio di Stato di Torino, Sezioni RiuniteRAA Rijksarchief AnderlechtRAK Rijksarchief KortrijkSAA Stadsarchief AntwerpenSAB Stadsarchief BruggeSAL Stadsarchief Leuven

Riviste

BSBS Bollettino storico-bibliografico subalpinoRBPH Revue belge de philologie et d'histoire

Monete

gr. br. grossi del Brabantegr. fia. grossi di Fiandra

9

10

Introduzione

0.1. Un breve inquadramento storiografico

La storiografia riguardo i Lombardi di ampiezza impressionante: per pi di cento

anni, dalla met del secolo XIX fino ad oggi, gli storici hanno ricostruito la presenza dei

prestatori piemontesi in tutta Europa1. La prima fase degli studi dedicati ai Lombardi,

quella di fine Ottocento-inizi Novecento, pu essere definita come quella dell'erudizione:

tuttavia, generalmente gli storici facevano uso della documentazione per evidenziare il

basso livello morale delle attivit dei Lombardi2. Il primo studio a carattere scientifico e

con approccio pi generale alla tematica senza dubbio quello di Bigwood3: per quanto il

suo punto di vista sia prevalentemente giuridico ed il saggio sia ancora influenzato, nella

costruzione e nelle conclusioni, da un giudizio morale tendenzialmente negativo, il lavoro

dello storico belga rimane tuttora fondamentale per lo studio dei Lombardi4. Altri lavori

che meritano di essere citati sono senza dubbio il piccolo ritratto di Pietro de Villa fatto

da Fris5 e l'analisi della presenza lom